IL LICEO ARTISTICO, IN UN PERCORSO DI URBANISTICA TATTICA PER GROSSETO, RIPENSA I QUARTIERI

L’urbanistica tattica è un‘espressione che fa riferimento a una grande varietà di pratiche di rigenerazione di spazi urbani, e consiste in un approccio che prevede diversi tipi di azioni – spesso fatte direttamente dai cittadini – che hanno lo scopo di migliorare gli spazi pubblici per renderli più utili e piacevoli per chi li usa. Gli elementi che distinguono l’urbanismo tattico da altri interventi sono il carattere partecipativo, temporaneo e l’economicità. Perché, a differenza dei tradizionali progetti architettonici “calati dall’alto”, le azioni di urbanismo tattico nascono da un’analisi delle esigenze nascenti di chi vive quello spazio.  New York è stata la prima metropoli a sperimentare – ancor prima che l’espressione venisse coniata – progetti di urbanistica tattica con la pedonalizzazione, lanciata nel 2009 da Bloomberg, di Times Square. Al Liceo Artistico Bianciardi di Grosseto, nell’Indirizzo Architettura Ambiente, la docente e architetto Francesca Amore ha guidato i ragazzi della 3a in un percorso di Urbanistica tattica per la loro città: Grosseto. Il progetto “RITORNO AL QUARTIERE - URBAN_MARKETING/STUDIO - URBANISTICA TATTICA” ha avuto come obiettivo la valorizzazione dell'identità storica e culturale di Grosseto e dei suoi distretti. Lavorare rafforzando il senso di appartenenza può aiutare lo sviluppo urbano dei quartieri e la loro economia locale. Ogni studente ha infatti lavorato su un progetto Grafico sul nome del quartiere specifico abbinato a piccoli interventi di urbanistica tattica e di restyling low budget. L'obiettivo è stato quello di riequilibrare la fruizione del territorio rispetto ai suoi abitanti, spostando i fulcri di interesse dai centri commerciali ai singoli ambiti, favorendo le relazioni sociali e di vicinato e creando così una città di impianto policentrico. Il percorso ha interessato ed entusiasmato le studentesse e gli studenti, che hanno re-immaginato i loro quartieri, creandone il logo, e brandizzandolo. Tra tutti molto interessante è il Brand del Quartiere Pace, che mette a frutto l’ambivalenza del nome per promuovere un valore ancora oggi da invocare e sollecitare. Le Tavole riassuntive dei lavori (allegate) sono esposte nell’atrio del Liceo Artistico, che da sempre è anche una piccola galleria d’arte, e rappresentano i loghi creati a partire dai nomi dei quartieri, e quattro esempi di urbanistica tattica per 4 quartieri importanti di Grosseto: Barbanera, Gorarella, Centro Storico, 167 Nord.

Composing guerra

La guerra che sta coinvolgendo la Russia e l'Ucraina sta toccando l' Europa in modo particolare. Gli studenti Luca Amodio e Raffaele Baldini, supportati dai loro compagni della classe 3A del Tecnico Grafica e Comunicazione, hanno realizzato questa suggestiva immagine che ritrae una bambina sola per le strade distrutte dalla guerra, in un ambiente freddo, tetro e devastato dove, simbolicamente, non arriva neanche un raggio di sole. La devastazione non è solo quella materiale ma soprattutto, quella morale. La bambina è persa in se stessa, non ha aiuti, il suo futuro è buio, incerto. Il suo abbandono rappresenta la sconfitta dell'uomo,  della sua "umanità". Ancora una volta l'indirizzo Tecnico Grafica e Comunicazione attraverso le competenze tecniche e comunicative che permette di acquisire, si presenta come un indirizzo di studi moderno, aperto a molteplici possibilità di lavoro. 

Torna su